AI SETTE NANI

Albergo Ristorante

...dai ricordi di Fausta Canciani:

La casa da Gnana, oltre che piccola era diventata come un albergo, c’era gente che entrava e usciva ad ogni ora, ma un giorno accadde qualcosa per cui mio padre decise di farsi la casa nello stalòn, un grande stavolo che suo padre aveva preso per lui sulla piazza principale del paese. Era successo che un pretendente di Ada era entrato di notte mezzo ubriaco per trovare la ragazza, ma ha sbagliato porta, ha trovato mio padre e ha reagito con violenza, prendendolo per il collo tanto che quasi lo strozzava.
E così che lo stalòn, dopo tanti soldi e tante fatiche, si è trasformato in una casa grande: siamo andati ad abitarla nell’ottobre del 1948 e avevamo perfino il bagno che allora era un lusso!
Mia mamma, dopo tante sfacchinate a lavare i bambini nella mastella, desiderava solo quello, anche se l’acqua calda non arrivava mai perché la cucina non riscaldava abbastanza, però pur di lavarsi in bagno ci si accontentava anche dell'acqua fredda. E ancora lo prestavamo ad altra gente!
Avevamo anche qualche stanza vuota, così per pagare i debiti mio padre la affittava alle maestre che dovevano rimanere sul posto o a qualche segretario e impiegato del comune.
In questo modo è nata la prima pensione, e riguardo al nome la storia è proprio curiosa. Eravamo tanti e tutti così piccoli che un impiegato buttò la frase “I Sette Nani” per caso, ma la trovata è piaciuta e tale è rimasta."

Dal 1957 l'albergo è gestito ininterrottamente dalla Famiglia Capellari-Canciani. Nel corso degli anni l'albergo ha subito profondi cambiamenti e ristrutturazioni che oggi lo rendono adatto a chi vuole riscoprire il gusto di vivere a contatto con la natura in un ambiente confortevole ed accogliente immerso in una Valle verde ed incontaminata.

Ieri
Oggi
7Nani2011