AI SETTE NANI

Albergo Ristorante

ORIAS altoORIAS, piccolo borgo rurale della Val Pesarina, immerso tra prati e boschi e da dove è possibile ammirare un paesaggio stupendo:
- ad est, il massiccio del Monte Arvenis, il monte Tamai ed il “cubo” dello Zoncolan, che tante polemiche ha innescato, ma che disegna in modo caratteristico il profilo dalla montagna.
- ad ovest, la Creta di Mimoias, che chiude la valle e la divide in due parti (cfr. Bepo Rupil, profuganza: “Lu gno Cjanal, cu Mimoias al siera…); di fronte si scorgono le verdi montagne che separano la Val Pesarina dalla conca di Sauris, mentre alle spalle si possono quasi toccare con mano le cime rocciose delle dolomiti pesarine.

È in questo contesto che sorge la borgata degli stavoli di Orias, poco sopra l’abitato di Truia ad una altitudine di circa 1006 metri. Gli stavoli sono tipiche costruzioni di montagna, a dimora temporanea, a funzione quasi esclusivamente agricola, adibiti al ricovero di animali, al deposito di foraggio e fieno, a volte comprendenti un locale per il fuoco, uno per la lavorazione del latte ed uno per il pernottamento.

Gli stavoli di Orias, collocati su un pianoro, che presenta una lieve pendenza ed alcuni terrazzamenti realizzati dall’uomo, sono realizzati in pietra, costruzioni dure, povere ma essenziali, caratterizzate da una uniformità cromatica grigio fumo, ruggine del legname scavato dall’acqua e bruciato dal sole, grigio ocra e rosso invecchiato.
L’elemento caratteristico di questa costruzioni è rappresentato dal fatto i 12 fabbricati sono stati realizzati addossati e ravvicinati uno all’altro e dal fatto che hanno tutti uguale orientamento verso Valle. Tale modalità costruttiva si differenza dalle abitudini e consuetudini carniche che prevedevano la costruzione di uno stavolo a servizio di ogni appezzamento di terreno e per ogni proprietario, stavolo solitamente isolato da altre costruzioni.
Significativo è anche il fatto che gli stavoli siano stati, probabilmente, costruiti in un lasso di tempo che per quel periodo poteva considerarsi limitato (15-20 anni circa) tra la fine del 1700 e gli inizi del 1800, e questo tenuto conto delle limitate risorse economiche e tecniche.

Luigina Agostinis parla degli Stavoli di Orias (da Sentieri e Natura)

{flv}Intervento di Luigina Agostinis{/flv}

 

Visita il portale Sentieri e natura TV

 

 

Aggiungi commento