AI SETTE NANI

Albergo Ristorante

Giuseppe (Bepo) Rupil
maestro, scrittore (Pieria, Prato Carnico 1858 - Venezia 1931).

Si diplomò nel 1879, insegnò per alcuni anni in Friuli, poi a Venezia dove fu anche direttore didattico e consigliere comunale dal 1912 al 1919.Collaborò ai periodici della Società filologica friulana.

Nel 1972 fu pubblicata a Udine Tiara mota, una raccolta di versi e prose tra i tanti dispersi in giornaletti e riviste, scritti nella varietà friulana della Val Pesarina.

Tiera Mota

 

da Il De Profundis durant un Funerâl

Tiera mota ‘a pâr tant bon
tai ciamps e tai prâz
ma nò nò ta chel sagrât
muarz mia di cour!

Lu sorc, las cartùfulas e i fasoi
a’ son encja lûar sot la tiera,
ma quant ch’a torna la primavera,
volunteir ‘ai torna four.

Ma i nostis muarz, mai pin a j torna,
a fâs’ vidîa in ches brut mont,
nencja si vain d’emplâ ‘na gorna,
o se lu tôr al si fâs tarònt.

Ma coma i flûars cu da sot tiera
a’ j salta four par gjoldi lûs,
cussì i muarz nostis a la pâs vera
saràn nel premi dal cîl metûz

Ascolta Carlo Quaglia che recita "Tiera Mota"

Lu Dante

Cogliamo un lapido quadretto fra tanti che lo scrittore e maestro Giuseppe Rupil compose nella parlata locale di cui era un appassionato, tenace raccoglitore .
I due, Nondo e Vigi sono personaggi reali: il primo più vecchio fabbriciere della Parrocchia, di severa morale; il secondo, operaio emigrante, appassionato ai libri più svariati, lettore instancabile della Divina Commedia: S'incontrarono nei pressi della chiesa e...

Eh! Vigi! Chinti iù?

Si, Nondo!

Ce libris leisa cumò po Vigi?

I torni a lei lu Dante!

O! Ce sant eral chel pò Vigi?

Eh, Nondo! Chel vidisa al era un omp! Al saveva dut il scibil di chei timps....(Nondo al dà un trimon) ...como a dii, dutt lu savia dal mont, mo via. Figuraisi Nondo, che da zovenut al componeva poesias, como a dii Pange Lingua, Ave Maria Stela in onôr da sô puema Beatrisa

Vergognosat ca lera un !

Oh Nondo! Chel a lera un amôr pûr, platonic, ideâl! na là tocjava mai, nançia cun tun diât lui, la sô Beatrisa.

Ascolta Guido Canciani che recita "Lu Dante"

Non si di ciertas pietància ch’aj usava mangjâ una vôlta tal cjanâl da Val Pesarina


Jota di cavocia e fasoi sul clâr,

encia di pestadicia a cui ch’aj pâr,

scot, sopa brusada e pendalòns,

ch’as mouf dutas lu cuarp, fin tai talons

Mesta cuinciada e po rosëòns biei,

cûsai, cjarzons da fâ dreciâ i cjavei,

polenta dura e ciuc’ di chel salât

frico ch’al fâs ai muartz tirâ lu flât.

Ruba buina, si sa, ch’a na fâs mâl,

cun batuda, calostra o cun bon seir,

ch’a fâs cori tal còment a al bocâl,

e fuî par davour ogni penseir.

Vôtu peta cul ont o fasoi fis,

o ‘na cupita di bon sfregolìs,

cu tant plaseva a Pîeri da Snè,

mior pietàncias, lafè! Tal mont n’and’è!

Vôtu cerciâ, mo chesta rûba buina?

‘A ci ‘a fât volanteir encia la Ustina;

mignestras raras cui uîa pûac si ûsa,

ma ch’a ci ten in môtu, po, ogni bûsa.

da “Tiara Mota”

Ascolta Guido Canciani che recita "Nons di ciertas.."

 

 

 

 

Add comment


Security code
Refresh